mercoledì 20 gennaio 2016

LA C SILVER FA SOFFRIRE LA CAPOLISTA MA ALLA FINE VINCE BUSNAGO!


CAMPIONATO C SILVER



FORTITUDO BUSNAGO - VIRTUS BELLINI GORLE  79 -63       

Parziali 24-25, 13-21, 18-11, 24-6

Fortitudo Busnago :  Buzzini , Corno , Danelli L. , Bonomi , Mazzoleni Marco , Farinatti , Sala , Mazzoleni Pietro , Galati , Danelli G. 5, Bonacina , Ghislandi . All. Telesi

Virtus Bellini Gorle :  Padova , Santinelli , Locatelli , Boccafurni , Angeloni , Nani, Ciani , Zucchetti , Prettato , Signorelli , Bassi , Coletti . All. Galli Vice Lorenzi

Vittoria che scivola via negli ultimi minuti, dopo una prestazione di valore per i primi 35 minuti con la prima in classifica.

Boccafurni e compagni partono subito bene, come spesso gli capita nelle ultime partite, trovando canestri nel pitturato ,e successivamente dalla lunetta, dopo aver caricato di falli la squadra milanese già dopo pochi minuti.


Busnago rimane in scia degli ospiti grazie anche alla precisione dall'arco di Danelli, Mazzoleni e Bonomi.
Nel terzo quarto i bianco-verdi si compattano in difesa, concedendo poco  alla formazione busnaghese e trovando canestri a campo aperto che aprono la forbice tra le due squadre.


L'ottimo primo tempo della Virtus sembra proseguire anche ad inizio terzo periodo, dando l'idea ad inizio ripresa di poter allungare ulteriormente. Ma Busnago è brava a reagire, costruendo un parziale nell'arco di qualche minuto che gli permette di ritornare sotto a Gorle, brava comunque a non scomporsi nel momento di difficoltà e mantenere la testa avanti a 10 minuti dalla sirena finale.


L'inizio dell'ultimo periodo vede ancora le due squadre giocarsela punto a punto, Busnago ha alzato la pressione difensiva, costringendo Prettato e compagni a tiri forzati.

A cinque minuti dalla fine il match è comunque in costante equilibrio,  rotto successivamente  da Pietro Mazzoleni e Bonomi che firmano l'allungo dei milanesi.
I bergamaschi provano a rientrare cercando tiri da fuori, ma le percentuali non aiutano,e Busnago è brava e cinica a punire ulteriormente la Virtus dalla lunetta nei secondi finali.


Al di là dei meriti della capolista, un punteggio "bugiardo" per quel che si è visto in campo. Gorle ripete, per lunghi tratti del match, la positiva prestazione di Romano di dieci giorni fa, ed  è sempre quella la strada da percorrere.

Ora non c'è altro che ricaricarsi  perchè sabato arriva al PalaGorle  la giovane Asola, battuta all'andata, ma rinforzata negli ultimi mesi dal ritorno del senior di categoria Corona, e alla ricerca di punti importanti per uscire dalla zona retrocessione.


Appuntamento fissato per le 18.15....vi aspettiamo!!!